Crea sito
Norvegia

Andrea Gjestvang, giovani: il futuro della Norvegia

Andrea Gjestvang è una fotografa con base tra Oslo e Berlino, dove assume incarichi e persegue progetti di documentario personale a lungo termine. Dopo essersi diplomata alla OsloMet ha lavorato su incarico e ha pubblicato i lavori su riviste internazionali come Time Magazine, The New York Times e molte altre.

Con un approccio fotografico intimo esplora le questioni sociali contemporanee nell’emisfero settentrionale. 

The Atlantic Cowboy, 2016-1019

Nell’Europa settentrionale, tra Scozia e Islanda, le Isole Fær Øer danesi presentano uno squilibrio di genere e demografico significativo.

Fotografia della serie "The Atlantic Cowboy", 2016-1019
Fotografia della serie “The Atlantic Cowboy”, 2016-1019

In continua evoluzione, in mezzo a paesaggi incantevoli, l’oceano sempre vicino, tra villaggi e piccole città, pastori e pescatori sono impegnati nelle loro occupazioni da generazioni. 
Ma negli ultimi anni su queste isole ci sono sempre meno donne. 
Molti dei più giovani vanno a studiare nel continente (l’arcipelago è attaccato alla corona della Danimarca) e non ritornano. La fotografa norvegese ha deciso di intraprendere un’avventura di diversi anni, fatta di una dozzina di viaggi di andata e ritorno, per raccontare la storia delle Isole Faroe.“Ero curioso di scoprire le conseguenze di questo squilibrio sugli uomini, ma anche su come plasmare in modo più ampio la società”.

Andrea Gjestvang, Fotografia della serie The Atlantic Cowboy, 2016-2019
Fotografia della serie The Atlantic Cowboy, 2016-2019

Dalla crisi finanziaria degli anni ’90, molte giovani donne hanno lasciato le Isole Faroe. La maggior parte si allontanano per studiare a Copenaghen o in altre città europee. Più della metà di quelli che se ne vanno non tornano mai più. 
Nel primo viaggio, la fotografa, non si è concentrata sulle donne ma piuttosto, era curiosa di come vivevano gli uomini non sposati.

Voleva esplorare le strutture culturali e sociali alla base di questo modello.
Queste isole sono una moderna nazione di pescatori. La pesca è il pilastro dell’economia, ma ancora vincolata all’industria e, soprattutto, gestita tradizionalmente dagli uomini.

Andrea Gjestvang, Fotografia della serie "The Atlantic Cowboy", 2016-1019
Andrea Gjestvang, Fotografia della serie “The Atlantic Cowboy”, 2016-1019
“La pesca domina sia l’economia che la vita sociale, da cui le donne si staccano e si allontanano sempre più”.

– Firouz Gaini, professore di antropologia presso la capitale delle Isole Fær Øer.

Dagli studi di Firouz Gaini, è emersa la nozione di “cowboy dell’Atlantico” (titolo del progetto): un uomo abbastanza tradizionale e pragmatico che rimane nel villaggio dopo aver finito la scuola per diventare un pescatore, proprio come suo padre e il padre di suo padre prima di lui. Guadagna bene, è religioso e può costruire una casa per moglie e figli. Ora il suo tempo sta per scadere. Secondo Gaini, l’immagine del pescatore è cambiata. Il professore spiega che il tipo di mascolinità che un tempo dominava qui non trasmette più lo stesso status e privilegi nella società attuale.

Andrea Gjestvang, Fotografia della serie "The Atlantic Cowboy", 2016-1019
Andrea Gjestvang, Fotografia della serie “The Atlantic Cowboy”, 2016-1019

D’altra parte, le donne sono in maggioranza nelle scuole e le opportunità professionali nelle aree rurali sono poche. Inoltre, sono più aperte e attratte dalla vita moderna negli ambienti urbani.

Di conseguenza, questo progetto tenta di evidenziare le sfide demografiche che si trovano nelle aree rurali periferiche in Europa e nel mondo. Mentre esiste un’acuta consapevolezza della perdita di giovani nelle aree rurali, le sfide dello squilibrio di genere sono molto meno evidenziate. In questo contesto, il progetto fornisce una visione intima dei ruoli e dell’identità maschili tradizionali che viene messa alla prova dalla società moderna.

One day in History, 2011-2012

Nel 2012 ha terminato il progetto “One Day in History”, con i ritratti dei giovani sopravvissuti all’attacco terroristico del 22 luglio 2011 sull’isola di Utøya, in Norvegia. Il progetto ha ottenuto riconoscimenti internazionali, mostre e premi, tra cui il prestigioso fotografo dell’anno 2013 L’Iris d’Or/Sony World Photography Awards.

Fotografia del progetto "One day in History", 2011-2012
Fotografia del progetto “One day in History”, 2011-2012

Il 22 luglio si verificarono due attacchi terroristici coordinati, volti ad attaccare il governo norvegese, un seminario politico estivo e la popolazione civile. Questi sono avvenuti nella città di Oslo e sull’isola di Utoya. In totale, causarono settantasette vittime. 

Andrea Gjestvang, fotografia del progetto "One day in History", 2011-2012
Andrea Gjestvang, fotografia del progetto “One day in History”, 2011-2012
Andrea Gjestvang, fotografia del progetto "One day in History", 2011-2012
Andrea Gjestvang, fotografia del progetto “One day in History”, 2011-2012

Il primo attacco consistette nell’esplosione di un’autobomba di fronte al palazzo in cui vi era l’ufficio del primo ministro norvegese Jens Stoltenberg. Il secondo attacco avvenne meno di due ore dopo sull’isola di Utøya, dove era in corso un campus organizzato dalla sezione giovanile del Partito Laburista Norvegese. Un uomo armato uccide sessantanove persone. Fu l’atto più violento mai avvenuto in Norvegia dalla fine della seconda guerra mondiale. Il responsabile, norvegese simpatizzante dell’estrema destra, fu arrestato a Utøya.

Fotografia del progetto "One day in History", 2011-2012
Fotografia del progetto “One day in History”, 2011-2012

Circa cinquecento persone sopravvissero al massacro. Più della metà dei sopravvissuti aveva meno di diciotto anni. Sono tornati alle loro vite, vanno a scuola, ma quello che è successo quel giorno ha cambiato la loro vita e quella della maggior parte dei norvegesi.

Everybody knows this is Nowhere, 2011

Questo progetto fotografico esplora le vite irrequiete degli adolescenti che crescono nel Finnmark, la contea più a nord-est della Norvegia.  
La privatizzazione del settore della pesca negli anni ’70 ha portato disoccupazione e spopolamento diffusi in questa regione già scarsamente abitata. 

Everybody knows this is Nowhere, 2011
Dalla serie “Everybody knows this is Nowhere”, 2011
Dalla serie "Everybody knows this is Nowhere", 2011
Dalla serie “Everybody knows this is Nowhere”, 2011


I giovani di Finnmark sono il futuro della regione ma allo stesso tempo, sono continuamente attratti dalla vita urbana.  

Andrea Gjestvang, dalla serie "Everybody knows this is Nowhere", 2011
Andrea Gjestvang, dalla serie “Everybody knows this is Nowhere”, 2011

In particolare, questa storia esplora le sfide pratiche e sociali delle comunità isolate di fronte allo spopolamento in un mondo sempre più globalizzato. Inoltre, cerca di arrivare al centro della tensione tra ciò che sognano questi giovani e la realtà che li circonda.

Andrea Gjestvang, dalla serie "Everybody knows this is Nowhere", 2011
Andrea Gjestvang, dalla serie “Everybody knows this is Nowhere”, 2011

Fonti:
Sito della fotografa
www.archyworldys.com
www.panos.co.uk
www.theatlantic.com