Crea sito
Norvegia

Intervista a Adrian Bugge, rinnovamento

Adrian Bugge vuole coltivare uno stile visivo basato sulle proprie osservazioni sui fenomeni che gli interessano. Ad esempio, gli interventi nella natura e nella città da diverse angolazioni.

Qui potete trovare l’articolo riguardante i suoi lavori (link).

Gruvesjø, Sydvaranger 2016
Nel progetto “Engagement”, fotografi vari luoghi della Norvegia. Qual è il tema fondamentale di questo progetto a livello globale?

Voglio esplorare l’ambiente e la crisi climatica in un modo visivo e artistico aperto all’interpretazione.

Art Snow II 2006, dal progetto "Engagement"
Art Snow II 2006, dal progetto “Engagement”
Adrian Bugge, Art Snow I 2006, dal progetto "Engagement"
Art Snow I 2006, dal progetto “Engagement”
Perché questi luoghi sono importanti per te? Secondo te qual è l’intervento dell’uomo più invasivo sull’ambiente naturale?

Per me i posti evidenziano le conseguenze del nostro consumo eccessivo, che le materie prime nei prodotti che acquistiamo e la potenza in uscita provengono effettivamente da qualche parte. Penso che gli enormi interventi sulla natura causati dal nostro consumo siano spaventosi, ma anche visivamente interessanti. Per questo motivo, i siti industriali che fotografo sono spesso situati in aree naturali e la distruzione della natura evidenzia il valore della natura intorno alle aree.

Adrian Bugge, Mining landscape, Tellnes 2017
Mining landscape, Tellnes 2017

Credo che il modo in cui influenziamo il clima sia il nostro più grande intervento sulla natura. Alcuni degli interventi sulla natura locale che ho fotografato sono di energia eolica e idroelettrica che generano «energia pulita» ma con grandi conseguenze locali. In futuro, ho in programma di fotografare le piattaforme petrolifere norvegesi nel Mare del Nord che causano gravi danni altrove.

Adrian Bugge, Neve artificiale, 25 gennaio 2020
Neve artificiale, 25 gennaio 2020
Quello che a prima vista sembra un idilliaco motivo montano in cui padre e figlio si ergono nella neve e si affacciano su un paesaggio montano, è davvero un pezzo di natura costruita all’interno di Snow Oslo, una delle più grandi stazioni sciistiche del mondo al chiuso.

Inoltre, sto lavorando a una nuova serie di foto che cerca di visualizzare i cambiamenti climatici osservando come ci adattiamo a loro in Norvegia. Lo scorso inverno, la più grande stazione sciistica al coperto al mondo è stata aperta appena fuori Oslo.

Neve artificiale, 25 gennaio 2020.
L’immagine mostra uno dei cannoni da neve che spruzza acqua che si trasforma in neve nella sala refrigerata e rivela che l’inverno è fatto dall’uomo.

Questo enorme edificio di Snø Oslo (Snow Oslo) diventa per me una metafora di come ci adattiamo ai cambiamenti climatici senza risolvere il problema di base. Le statistiche dell’Istituto meteorologico mostrano che Oslo ha perso 21 giorni invernali negli ultimi 30 anni. Infatti, i meteorologi ritengono che il cambiamento climatico causato dall’uomo abbia un ruolo importante in questo sviluppo. In quest’ottica, l’assenza di neve naturale all’esterno dell’edificio può essere intesa come un intervento naturale molto maggiore della stessa pista da sci fredda e incorporata.

Adrian Bugge, Neve artificiale, 25 gennaio 2020
Adrian Bugge, Neve artificiale, 25 gennaio 2020
Visualizza l’esterno della pista da sci refrigerata integrata. Gli unici alberi si riflettono nell’edificio bianco come la neve. In precedenza, in questo periodo dell’anno era pieno inverno a Oslo, ma l’inverno a Oslo si sta riducendo.
“New Oslo” è un progetto molto interessante; cosa ti ispira a lavorare su questo argomento? È un progetto in corso?

Grazie, è bello sapere che questo progetto locale della mia città potrebbe essere rilevante anche all’estero. Ho iniziato a fotografare sistematicamente i miei dintorni dopo l’adozione del cosiddetto piano fjord city nel 2020. Questo è il più grande progetto di sviluppo urbano di Oslo negli ultimi tempi. Le aree del lungomare sono state prelevate dalle industrie portuali e cedute a uffici, cultura e abitazioni per aprire la città fino al fiordo. Lo sviluppo è ancora in corso e sta interessando l’intera città, con diverse istituzioni che si spostano nelle nuove aree.
La città è ora completamente diversa e il processo è destinato a continuare per molti anni a venire, così sarà il mio progetto di New Oslo.

Adrian Bugge, fotografia della serie "New Oslo"
Adrian Bugge, fotografia della serie “New Oslo”
Fotografia della serie "New Oslo"
Fotografia della serie “New Oslo”

Ora fotografo più parti della città rispetto al lungomare. Infatti, ciò su cui mi sto concentrando proprio ora è la demolizione dell’Y-blokka (il blocco a Y), un edificio governativo tardo-modernista che è stato una parte fondamentale di Oslo dal 1970. Nonostante le proteste diffuse, questo edificio unico – scelto come uno dei sette monumenti culturali più minacciati dall’Europa da Europa Nostra e l’Istituto della Banca europea per gli investimenti – viene distrutto. È davvero triste che noi nel rinnovamento urbano stiamo spazzando via la nostra storia in quel modo.

Adrian Bugge, ottobre 2019
Ottobre 2019. Il blocco a Y prima della demolizione con il murale Pablo Picasso / Carl Nesjar “Fiskerne” (I pescatori) come simbolo del lavoratore norvegese e della dipendenza del paese dalla natura.
Marzo 2020
28.03.2020: blocco Y recintato e pronto per essere demolito. Il piano è di liberare il muro di Picasso, usarlo come decorazione nel nuovo quartiere governativo e distruggere il resto dell’edificio. Gli esperti d’arte dicono che questo non ha senso perché l’arte è una parte inseparabile dell’edificio, realizzata in una collaborazione tra architettura, arte e ingegneria.
06.05.2020, Adrian Bugge
06.05.2020: Pablo Picasso mostra i pescatori che pescano una rete, ma ora un telone simile a un filo ha catturato i pescatori.
giugno 2020
giugno 2020: l’ultimo raggio per il telaio di supporto viene sollevato in posizione. Ora non passa molto tempo prima che il muro si stacchi.
Ho visto che al momento stai lavorando a un progetto di pandemia. Come hai affrontato questo argomento? Questa nuova situazione ha influenzato il modo in cui ti avvicini alla fotografia?
Pensi che la fotografia possa aiutarci a riflettere sulle conseguenze dell’isolamento?

Come la crisi climatica, il coronavirus è un pericolo invisibile. Inoltre, senza un microscopio è impossibile scattare una foto del virus stesso, ma le conseguenze di esso, come i posti vuoti, possono essere rappresentate. Solo la certezza dell’esistenza del virus dà a luoghi e oggetti un significato espanso. Scattare una foto di qualcosa di cui puoi vedere solo le conseguenze è stata una sfida interessante per me come fotografo, che è rilevante anche per i miei altri progetti, in particolare nel progetto Engagement in relazione alla minaccia climatica. Ad un certo punto, i due progetti si incontrano quando la stazione sciistica di Snø Oslo ha dovuto chiudere a causa della pandemia.

Adrian Bugge, Neve artificiale, 25 gennaio 2020
Neve artificiale, 25 gennaio 2020
Mostra l’altro lato dell’edificio. Si trova nel paesaggio come un muro, che ricorda un’opera di Land Art di Christo

Sì, la fotografia può essere usata per esplorare le conseguenze dell’isolamento sia a livello umano sia come ho fatto per vedere come di solito i luoghi affollati sono senza persone.

Adrian Bugge, Neve artificiale 26. aprile 2020.
Neve artificiale 26. aprile 2020
Snow Oslo è chiusa a causa della pandemia, ma una sbirciatina all’interno della finestra rivela che l’unità di refrigerazione è ancora in funzione.

Le fotografie presenti sono state gentilmente concesse dal fotografo.
Sito del fotografo
Maggiori informazioni sul progetto Y-blokka: www.yblokkfoto.no